essere o non essere perfetta

E ancora ti amo, Sylvia, perché nessuno di noi è immune alla pressione di soddisfare le aspettative altrui. Di cosa dobbiamo essere, di come dobbiamo essere. E non c’è via d’uscita tra gli alternativi-a-tutti-i-costi che additano la maternità come la Guantanamo di una società sessista e bigotta, agli integralisti della fertilità obbligatoria, ai miseri guardoni delle vite degli altri.
E ti amo fino all’ultimo tuo gesto, per un certo verso folle, di lasciare il pane imburrato e il latte sui comodini dei tuoi figli prima di respirare il gas.
http://www.doppiozero.com/materiali/sylvia-plath-il-richiamo-fatale-della-perfezione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...