agosto, casellante mio non ti conosco

Casello autostradale di Cessalto (VE), 25 agosto
Delle quattro uscite disponibili ne sono attive solamente due, una per i possessori di telepass e una per gli sfigati.
Mi accodo sommessamente ad un camper e tre macchine di proletari. Una mano esce dal camper, raggiunge la macchinetta per il pagamento del pedaggio, infila il biglietto, si ritrae, riemerge dal camper, tocca la macchinetta, si ritrae. Si continua in questo modo per un minuto, poi dal camper esce una donna che mette di nuovo mano alla macchinetta per il pagamento, attraversa le due corsie di opposto senso di marcia ed infila la porta degli uffici del personale autostradale.
Ne esce accompagnata da un ultrasessantenne con gilet arancione catarifrangente, anelloni e catene d’oro che al confronto Missy Eliott sarebbe parsa Audrey Hepburn. L’uomo si posiziona accanto alla cassa, si fa passare biglietto e soldi dal camper, restituisce il resto e aziona tramite chiave la sbarra.
Arriva il mio turno.
Porgo all’uomo il biglietto e poi i soldi. Lo zio di Missy Eliott mi guarda a lungo sorridendo e mi chiede: “Ma noi ci siamo già conosciuti?”
Brivido freddo. Sono in ostaggio.
“…mh, no, non credo”
“Ha per caso partecipato al concorso Casalinga dell’anno? Sa… ero in giuria…”
“Ah. Comunque no, no, lo escludo”
“… perché somiglia molto ad una che ha vinto la pignata di bronzo. Sa, ero in giuria”
“Ah ecco, comunque no, non avrei vinto nulla”.
Arriva una macchina alle mie spalle, la sbarra si alza. Parto sgommando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...