luglio

E’ luglio il mio problema. Luglio in cui degli amichetti di Forza Nuova bruciano l’arredo di appartamenti destinati a richiedenti asilo a Quinto di Treviso. Luglio in cui Emmanuel Chidi Namdi viene ucciso. Luglio in cui un bambino che si è bagnato in una pozza d’acqua a San Donà (VE) viene processato sui social. Luglio in cui migranti stipati in una caserma a Oderzo (TV) iniziano a protestare e il razzismo esplode.

Il colore della pelle è un particolare che fa sentire molti autorizzati a tirare fuori il peggio di sé. Il sotto-uomo. L’inumano.

A luglio dello scorso anno la rabbia e la paura mi hanno portato a cercare mani attorno a me per sentirmi meno sola, per provare a costruire un approdo solidale. Questo luglio provo le stesse emozioni, ancora più forti, ancora più vicine al cuore e al fegato. Non so dove porterà questo filo di pensieri. Ma spero di trovare di nuovo chi voglia camminare con me.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...