La convivenza

Qualche anno fa in un’intervista radiofonica Sandra Bonzi, moglie di Claudio Bisio, raccontava di come la convivenza avesse comportato per lei una marcata perdita di spazi, la privazione di wolfiani momenti di solitude,  la possibilità di godersi un distensivo bagno caldo da soli.

Ho iniziato a convivere alcuni mesi fa con la consapevolezza che sarebbe stata un’esperienza positiva ma certamente non semplice, in quanto in uno spazio limitato venivano a sommarsi (e potenzialmente scontrarsi) le richieste di un uomo, una donna e un gatto.

Cosa cambia davvero con la convivenza?
Ecco una panoramica grezza dei pro e dei contro attestati in questi primi 5 mesi

PRO
Dormire in due, svegliarsi in due, cucinare in due, mangiare in due, arredare casa in due, fare i lavori domestici in due, fare la spesa in due
Esserci fisicamente, nei momenti belli e nei momenti brutti
Avere qualcuno che si prende cura di te quando sei ammalato e anche quando sei in salute, poter prenderti cura dell’altra persona molto più spesso
Si sperimenta la collaborazione e la relazione si rafforza, si parla di più
Si può delegare
La condivisione del tempo e delle relazioni in una maniera più intensa
La possibilità di conoscersi più a fondo
Condividere le bollette e le spese, poter comprare le confezioni più grandi e più economiche
Fare serata senza che nessuno dei due debba spostarsi da casa
Le occasioni per fare l’amore si moltiplicano

CONTRO
Il bagno occupato
Non si può più occupare tutto il letto disponendosi a diagonale
La moltiplicazione esponenziale del cibo da cucinare, dei piatti da lavare e dei panni da lavare
Aumentano i litigi, ci sono più motivi per litigare e bisogna essere più bravi a fare pace perché non c’è tempo né spazio per fare sbollire
La scoperta di milioni di cose che ci possono infastidire dell’altra persona, particolari che ci possono far partire il fiotto di sangue alla testa come il rotolo vuoto di carta igienica, la spazzola piena di capelli, la vasca invasa di peli
Si è più esposti, più vulnerabili, meno idealizzati, più veri

(to be continued)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...