In mancanza di un vocabolario

Vorrei una parola che definisse quest’ansia sottile, la consapevolezza della sottomissione ai propri demoni. L’immobilismo e il Levopraid serale.
Vorrei una parola che definisse il senso di fallimento, credevi di essere migliorata tanto –  forse un po’ sì ma mica poi tanto.
La mania del controllo e l’impossibilità di avere tutto sotto controllo.
Vorrei una parola che mi aiutasse a spiegare che voglio fare tutto da sola però gli altri ci devono essere sempre, e se non ci sono sbrocco.
Una parola per dire che ho sonno ma non posso dormire, che mi dispiace ma non so dirlo, che vorrei essere migliore, che non vorrei essere così severa con te.
Il gatto allunga le zampe nel sonno. Io vorrei stendere le mani e poterti mostrare questa parola nel vocabolario che non ho ancora trovato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...