né di distanza né di frequenza

A volte vale la pena smettere di lamentarsi della pigrizia dei propri amici e muovere il culo.
Definire una data e un luogo di incontro e ridefinirlo e ridefinirlo ancora.
Prendere la macchina, fare km, saltare la palestra.
Ci sono sempre più cose che bloccano le persone, che le rallentano nel cercarsi, che le distraggono e le fanno sentire prigioniere dei propri impegni.
Sento anche nei miei amici dai sentimenti più nobili un contrasto crescente tra i buoni propositi di frequentarsi e un’apparente impossibilità di farlo.
Una fatica assediante, che si contrappone alla facilità con cui ci sembrava le cose si muovessero un tempo.
Forse è l’età adulta. Preferisco pensare che ci stiamo complicando la vita da soli.

tumblr_mpg3zcoMiD1s3evkso1_500

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...