punti di contatto

Il mio corpo, ogni centimetro del mio corpo, voleva ingannarmi a tutti i costi, facendomi credere che mi trovassi al mio matrimonio. Dovevo controllarmi per non lanciarmi su di lei e baciarla e chiederle delle sue cosce, come quando vivevamo insieme e lei arrivava a casa tardi e io le dicevo: “come stanno le tue cosce? Vanno sempre d‘accordo?“. Perché. Non avevo mai conosciuto niente che formasse una coppia affiatata come le sue cosce. Avevo creato un mondo delle due cosce, un mondo in cui io m‘intromettevo, facevo conversazione con loro, avrei passato una vita intera lì in mezzo, e Barbara rideva, si divertiva. Tante cose che credevo le piacessero di me, chissà dove erano finite? Erano tutti ricordi di un’epoca lontana e infelice? Finiti nel dimenticatoio per colpa della resa totale al fascino di un uomo di plastica, di quel cascamorto da nonnine, di quel progetto di signore che indicava la strada all’autista con autorevolezza, diritto, diritto, adesso a destra – tante cose perdute?
Il viaggio, nella sua lentezza, aumentava il mio piacere e l’ansia. Mi concentrai sulla parte del corpo casualmente in contatto con quello di Barbara. Ormai ci veniva consentito di sfiorarci soltanto occasionalmente, ma io sapevo che non esistono contatti innocenti, quando i corpi si toccano i corpi si parlano. Avevo capito, anni addietro, che io e Barbara avremmo combinato qualcosa insieme quando le nostre ginocchia si erano sfiorate sotto un tavolino tutt’altro che galeotto, e nessuno dei due aveva rifiutato il contatto. Il suo braccio nudo, i suoi capelli, che ad ogni sobbalzo dell’automobile mi accarezzavano il volto, le nostre ginocchia, le stesse che per prime avevano parlato di amore e adesso si saggiavano di nuovo, chiedendo notizie del matrimonio, della vita, della felicità. Sei felice? Chiese il mio ginocchio al suo sotto la calza, ma il ginocchio di lei eluse la domanda o si limitò a scusarsi: sono soltanto un ginocchio. Si sfioravano leggermente. Mi sei mancato, si dissero.

DAVID TRUEBA, QUATTRO AMICI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...