KALKBREITE (Zurigo) – esperimenti di comunità

“Ti devo portare in un posto”, mi dice Andreas. “Ti piacerà”.
Usciamo dal complesso Toni Areal dove l’avevo accompagnato ad una mostra sul design svizzero e prendiamo il tram da Pfingstweidstrasse in direzione Kalkbreitestrasse.

Kalkbreite pare essere uno dei massimi argomenti di conversazione a Zurigo quest’anno.
L’hanno visto crescere e svilupparsi in pochi mesi, a fronte dei quasi 30 anni di progettazione.
Kalkbreite è un piccolo quartiere di Zurigo che si basa sull’idea di creare una comunità che metta in comune luoghi, pratiche e conoscenze.
E’ una sorta di esperimento sociale, culturale ed urbano che comprende una cinquantina di appartamenti e 250 abitanti che cerca di garantire una qualità della vita alta ad un costo economico limitato, in risposta alla continua crescita del prezzo degli affitti a Zurigo.
La modernità di Kalkbreite sta anche nell’impatto ambientale: gli edifici sono dotati di una pompa di calore alimentata sfruttando le acque sotterranee, sono state adottate misure per ridurre il consumo di acqua ed elettricità ed è stato limitato anche il consumo di spazio (gli appartamenti coprono massimo 35 metri quadrati per persona). Uno dei riferimenti del complesso Kalkbreite è infatti quello della “società a 2000 watt“, la teoria per cui si potrebbe ridurre di 2/3 l’attuale consumo energetico in Europa Occidentale.
Uno degli aspetti più interessanti di Kalkbreite e’ la condivisione degli spazi, condizione fondamentale per favorire la creazione di una comunità più unita e consapevole.
Alcuni appartamenti condividono una stanza centrale e una cucina, pur essendo tutti dotati di una cucina essenziale ed un bagno. In questo modo ogni inquilino può scegliere in ogni momento se partecipare alla vita comune o meno.
Un’altra soluzione abitativa e’ quella di 20 appartamenti che hanno in comune cucina, soggiorno e sala da pranzo. Gli spazi sono stati pensati come flessibili, in modo da rispondere alla naturale evoluzione delle necessità degli inquilini. Per questo nello stabile sono presenti delle cosiddette “stanze jolly” che possono essere aggregate ad un appartamento.
Gli spazi comuni all’intero stabile sono molti ed eterogenei, per venire incontro alle necessità familiari e professionali della comunità-abitante:  un foyer, una mensa, una lavanderia, uffici affittabili, sale riunioni, un bed&breakfast, un asilo nido, un giardino con giochi per i bambini e un centro congressi.
Un particolare che poterbbe risultare strano e’ che non ci sono posti auto.
Ma del resto, mi dice Andreas, “non ce l’ho nemmeno io.  A cosa serve avere una macchina a Zurigo?”.

 

Per approfondimenti:

Kalkbreite, Zurigo (ZH): il quartiere a 2000 watt
Nuova Kalkbreite al via

Trovate tutto il progetto qui, con tanto di planimetrie:
Case study: Kalkbreite, Zurich

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...