tutti Uguali

Cervellotica,

qualche volta mi hanno detto che sono

Cervellotica.

Forse è vero, rido più dei giochi di parole dei comici che delle loro espressioni facciali buffe. Bergonzoni, Campanile, Calvin&Hobbes. Libri impegnati, film leggermente malinconici. Sono attratta dagli uomini che mi conquistano anche il cervello. Mi posso perdere in un autismo creativo giocando con la realtà delle cose.

Dannazione, è vero, sono cervellotica.

Quest’anno a Natale mi hanno regalato “Sono tutti uguali”, libro anti-maschile ad uso e consumo delle donne, scritto da un uomo. Copertina con bocca femminile enorme, eroticamente carica, coperta di zuccherini.

E me l’ha regalato una persona che di solito mi regala libri densi, letterariamente impeccabili, seri. Nel consegnarmelo ha dichiarato “Mi odierai.” (sottotitolo: Non ce la puoi fare a leggerlo)

“Ma no, dai, magari mi diverte pure”. (sottotitolo: Vediamo)

Sto al gioco, lo leggo. E capisco che ha ragione, non ce la faccio. Alla decima pagina sto già prendendo il libro sul serio. Considero borioso il suo autore di successo, mi irrito per le generalizzazioni del libro, per le rubriche di facili consigli. Alla trentesima pagina sto leggendo il libro al mio ragazzo con il tono della signorina Rottermayer quando Clara va in giro con Heidi. Alla sessantesima pagina sto iniziando a saltar facciate che parlano di Cosmopolitan, pesci da padella, uomini e donne con matrimoni falliti alle spalle.

Maledizione, IO SONO CERVELLOTICA.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...