Acqua, goccia, lago, mare

 

Un uomo è seduto in una stanza.
Guarda il rubinetto che goccia.
L’uomo pensa
«È una goccia
Io potrei alzarmi e andare a chiudere il rubinetto,
ma non posso fare tutto io».
Intanto, le gocce cadono una dopo l’altra.

L’uomo nella stanza vede il lavandino che si riempie.
Vede la fatale goccia che fa traboccare il vaso.
Vede l’acqua che cade sul pavimento.
Sente i piedi che incominciano a bagnarsi e pensa.
«Prima o poi, goccia dopo goccia si allagherà la stanza
Il pavimento cederà sotto il peso dell’acqua
Ma il pavimento della mia stanza
è il soffitto della stanza di sotto

Miliardi di gocce sfonderanno quel soffitto
e allagheranno la stanza del piano inferiore.
con tutti gli oggetti utili e inutili
e le persone che lo abitano.

Le stanze che cadranno una sopra l’altra
fino a fare crollare il palazzo
e l’acqua seppellirà le maceria».

Un uomo è seduto in una stanza.
Guarda il rubinetto che goccia e vede il diluvio.
E pensa
«Non è possibile. No, proprio non è possibile».

Così si gira e guarda verso il muro.
Smette di pensare alla goccia.
Sorride, si addormenta.

E affoga serenamente.

da «Io cammino in fila indiana» di Ascanio Celestini


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...