Luzhkov. Epilogo di una deposizione

Dice il saggio:

Quando il canale di Gazprom manda in onda un documentario-shock su una persona, la sua fine (politica e pubblica) non può essere molto lontana


La sera del 10 settembre il canale televisivo NTV (proprietà: Gazprom) ha mandato in onda il reportage “L’affare é concluso” (lett. L’affare é nel cappello), in cui si criticava duramente l’operato del sindaco di Mosca Jurij Luzhkov. Questa la tesi alla base del documentario: Luzhkov impiega la carica per il proprio tornaconto personale.
Il film sarebbe stato commissionato mercoledì 8 settembre e realizzato e montato nel giro di 24 ore. Le tematiche sono stati ripartite tra vari programmi e alcuni sono stati rifatti in quanto non erano abbastanza critici.
Boris Nemtsov, uno dei leader del movimento “Solidarnost”, ha a sua volta dichiarato al giornale che il filmato é l’adattamento cinematografico del proprio reportage “Luzhkov. Risultati”. Secondo Nemtsov, NTV ha riprodotto tre passaggi letteralmente,  usando i passaggi del report che i tribunali non anno riconosciuto come lesivi della dignità e dell’onore di Jurij Luzhkov e Elena Baturina”.

La questione già da qualche tempo non era più se gli sarebbe stato tolto l’incarico o meno. La questione era solo il come. Presto risolto.

Un documentario, la critica della gestione degli incendi, una vacanza obbligata in Austria fino a portare Luzhkov alla dichiarazione “O mi sostieni o mi licenzi”.

Forse Luzhkov pensava di avere le spalle più coperte.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...