la canzone del giorno, dell’anno, della mia vita

 

aeroporto

 
La domanda è: qual è il momento giusto per partire? O, meglio ancora, come si distingue il momento giusto per partire?
Senti uno slancio nel cuore, la stanchezza verso ciò che ti circonda, ci sono piccoli segnali che ti colano addosso come rigoli di vernice fresca?
Magari.
La verità è che non penso ci siano linee così nette nella vita, avrai sempre ganci che ti strappano la carne quando te ne vai, e morirai mille volte nell’andartene.
Quindi puoi solo distinguere momenti più o meno credibili per andartene.
"Vale, la tua vita è talmente tanto un pantano che ti fa bene allontanarti un po’. E poi non è dando tempo alle cose che per forza si risolvono. Chissà, magari sarà proprio il tuo andartene che darà l’input all’ingranaggio. O anche solo servirà a te per stare con te stessa."

Mi infastidisce doverti dare ragione a volte.
Volte tipo questa.
Ho motivi per andarmene e motivi per restare, ma quelli per restare stavolta non bastano.
E ci pensi che lasci sempre cose insolute qui, ma dubito ci si possa mai trovare in pari con la vita.
Stavolta prevale la consapevolezza che studiare lingue e non cercare di fare un periodo all’estero non fa per me, e che c’è ancora così tanto mondo da vedere, e ho voglia di mettermi un po’ alla prova. 
 
Domattina ore 657. Oderzo Vicenza Milano Milano Malpensa Malaga.
Tra un mese sono di nuovo qui.
Una settimana a casa in cui ci saranno abbracci più stretti e promesse più difficili.
E poi Russia. E lì sarà la parte difficile.

L’ Abbandono Marta Sui Tubi

Le case in cui ho vissuto
erano cieli chiusi dentro ad una scatola
ed ho lasciato tracce tanto chiare
che qualcuno male interpreta
l’educazione non prevede che
si possa andare via bene
senza stare un poco male
per l’alba che c’e’ in me
in fondo anche un pianeta non e’ altro che
una scatola
un po’ sferica
le cose che non ho portato via
erano quelle
che non hai voluto
quelle che ho scartato
prima di andar via
sono un infinitesimo di te di me e di te
solo una parte infinitesima
sono un infinitesimo di te di me e di te
solo una parte infinitesima

 

Un pensiero su “la canzone del giorno, dell’anno, della mia vita

  1. Ti capisco benissimo…partire è meraviglioso, ma allo stesso tempo è difficile allontanarsi dalle nostre "certezze" e affetti, anche se solo temporaneamente. Anche io tra circa 2 settimane parto, vado in Russia!!! In bocca al lupo x tutto! Flavia

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...