L’alieno nella pancia. X.

(…continua da qui…)

17 dicembre
– 26 giorni al contatto con l’alieno 

Analisi dell’entità ospitante:

– buono stato di salute generale
– aumento di peso rispetto ad inizio gravidanza: circa 11 kg
– segnalazioni: urgenza di stiracchiare la schiena al mattino, rimorso per non riuscire mai a dormire sul fianco sinistro (cosa che pare fondamentale a detta di ostetrica e ginecologo)
– la parte del corpo che si trova tra l’ombelico e le cosce rientra nel puro mistero della fede, esiste ma è non è più visibile. L’ombelico si è quasi chiuso in se stesso.
– attività rientranti nella cura della persona come la depilazione dell’inguine e delle gambe e la limatura delle unghie dei piedi sono cause di morte certa
– anche infilarsi i pantaloni e i calzini stando in piedi è causa di morte certa
– attaccamento sentimentale verso la palla da pilates del Decathlon
– aumento della sonnolenza, senso di colpa per l’eccesso di sonno
– alle ricette di cucina rapide in stile Benedetta Parodi vengono predilette le cotture su stufa economica di almeno 3/4 ore
– la frequenza delle visite mediche, pur non essendoci problematiche di sorta, tende a + ∞
– non si evidenziano stati di terrore legati al dolore o all’ignoto, ma è come se da qualche parte si stesse iniziando ad intonare la Haka
– “ti vedo bene” forse non è un complimento ma una denotazione dell’aumento di volume

Analisi dell’entità ospitata:

– La crescita dell’alieno nell’ultimo mese è stata corrispondente al 60% del suo peso totale. Una cosa simile a quando nel film “Da grande” Renato Pozzetto si sveglia adulto da un giorno all’altro.
– Staglieno ha scoperto la voce del papà in growl e le fusa dei gatti ma non abbiamo capito se li apprezza o ne è solo stranito
– E’ stato osservato che l’alieno è in posizione atta alla discesa
– Il ciclo sonno/veglia di Staglieno si è allungato e questo ci fa sentire autorizzati a stuzzicarlo più spesso per verificarne la vitalità
– Risultano più facilmente individuabili i vari segmenti di corpo che sbucano dall’atmosfera: il piede, il sedere, il braccio
– Staglieno sembra essere stato messo a conoscenza da fonti esterne di una sorta di punto della Divina Scuola di Okuto, situato all’altezza del fianco destro, che se colpito con un pugno o un calcio lascia tramortiti 
– L’alieno non è invece risultato immune ad una delle peggiori maledizioni del pianeta Terra: il singhiozzo

PS: l’alieno continua a non dichiarare le sue intenzioni per lo sbarco, nonostante inizino a mancare poche settimane. L’osservazione continua.

 

***

Link alle puntate precedenti:

L’alieno nella pancia I

L’alieno nella pancia II

L’alieno nella pancia III

L’alieno nella pancia IV

L’alieno nella pancia V

L’alieno nella pancia VI

L’alieno nella pancia VII

L’alieno nella pancia VIII

L’alieno nella pancia IX