Soffocare, Chuck Palahniuk

“Insomma, io sono stufo di avere sempre torto solo perché sono un maschio. 
Cioè, quante volte un uomo può sentirsi ripetere che è un oppressore, un prevenuto, un nemico, prima che decida di gettare la spugna e diventare nemico per davvero? 
Dopo un po’ ti arrendi e accetti di essere sessista, bacchettone, insensibile, rozzo, imbecille. Le donne hanno ragione. Sei tu che ti sbagli. Dopo un po’ ti ci abitui. Ti adegui alle loro aspettative.
Anche se la scarpa non è della tua taglia, il piede ce lo fai entrare a forza. 
Diciamocelo: in un mondo senza più Dio, il nuovo dio non sono forse le madri? L’ultimo bastione sacro e inespugnabile. Che la maternità sia l’ultima magia perfetta, l’ultimo miracolo? Ma è un miracolo impossibile per gli uomini. 
Con un fallo non ci pianti nemmeno un chiodo. 
Le donne nascono già talmente avvantaggiate, a livello di capacità. Se un giorno gli uomini impareranno a partorire, allora sì che si potrà cominciare a parlare di parità fra sessi.”

(“Soffocare”, Chuck Palahniuk)